News

28 Novembre 2020

Salviamo la chiesa di San Clemente, la proposta dell’Assessore Allegrini

Salviamo la chiesa di San Clemente. Un appello e soprattutto una proposta quella che l’assessore ai lavori pubblici e al centro storico Laura Allegrini lancia per recuperare e valorizzare un importante luogo della città, sia dal punto di vista storico, che culturale. “Sorprende, ma le vecchie cucine dell’Ospedale Grande degli Infermi erano in origine una chiesa dei monaci farfensi che avevano a Viterbo la più antica colonia monastica. Stiamo parlando del 700 d.c.”. A ricordare alcuni dettagli storici è sempre l’assessore Allegrini, che aggiunge: “Questa chiesa antichissima è menzionata per la prima volta nel privilegio con cui l’imperatore Carlo Magno conferma i possedimenti ai monaci. Una storia appassionante che si snoda nei secoli con passaggi di mano tra le varie comunità ecclesiastiche fino alla triste storia di essere ridotta a cucine dell’Ospedale. È notevole il campanile che ha dato luogo a diverse interpretazioni da parte degli storici dell’arte. Insomma, un luogo preziosissimo per la storia di Viterbo”. Da qui parte l’idea del recupero. “La Asl ha in mente un piano di valorizzazione, di dismissione e destinazione dei beni di sua proprietà – ha spiegato l’assessore Allegrini -. Nell’ambito di un incontro a suo tempo avuto con il direttore generale dell’azienda sanitaria locale avevo lanciato la proposta di separare la destinazione della ex chiesa dal resto degli immobili dell’ex ospedale. A prescindere dalla destinazione definitiva che la ASL vorrà dare agli immobili di sua proprietà, tra cui anche il vecchio ospedale, è importante che si possa trovare una forma di collaborazione e condivisione in merito all’acquisizione e alla valorizzazione della chiesa di San Clemente da parte del Comune, che potrebbe  recuperarla per finalità culturali e turistiche. Significherebbe dare vita a un ampio progetto di restauro e riqualificazione dell’area di San Clemente, che merita di essere ammessa alla destinazione turistica tra l’altro adiacente e comunicante con gli ascensori e quindi con piazza San Lorenzo. Inoltre – continua l’assessore Allegrini – da via San Clemente si accederebbe alla ex chiesa attraverso uno splendido portale delle indulgenze di grande valore storico. Credo molto in questo progetto, in quanto lo ritengo di notevole importanza per il nostro centro storico e per la nostra città. Qualora si riuscisse a concretizzare questa idea e a dare forma alla proposta, il settore Lavori Pubblici potrebbe lavorare a un progetto di riqualificazione della stessa via San Clemente, compresa la pavimentazione fortemente ammalorata, per restituire un altro accesso suggestivo al centro storico della città”.

Ultimi articoli

Eventi 3 Febbraio 2023

Convegno “Viterbo Agroalimentare – opportunità e prospettive”, sabato 11 febbraio alle 9 presso la Sala Regia di Palazzo dei Priori

Il convegno ha l’obiettivo di inquadrare da diverse prospettive professionali lo scenario che caratterizza il settore, con particolare riferimento alle implicazioni sull’agricoltura e sui prodotti alimentari del territorio di Viterbo. I due aspetti verranno affrontati attraverso delle relazioni tenute da esperti che proporranno dei temi di riflessione su cui è prevista una discussione aperta da parte dei partecipanti al termine delle singole sessioni.

Eventi 3 Febbraio 2023

Firma del protocollo d’intesa tra Comune di Viterbo e Istituzioni Scolastiche per la Rete delle Scuole dell’Empatia, mercoledì 8 febbraio alle 10

Firma del protocollo d'intesa tra Comune di Viterbo e Istituzioni Scolastiche per la Rete delle Scuole dell'Empatia presso la Sala Consiliare di Palazzo dei Priori.

News 2 Febbraio 2023

Viterbo Cardioprotetta, presentato il progetto dall’Assessore alle Politiche Sociali Patrizia Notaristefano in collaborazione con Croce Rossa Italiana e Associazione Salute&Sicurezza

“Il progetto” - dichiara l’Assessore Notaristefano - “ci ha visti impegnati in piena collaborazione dalla scorsa estate e si è poi ampliata a istituzioni, imprenditori e commercianti che con generosità e slancio hanno supportato la nostra iniziativa e che oggi vede la consegna di 15 defibrillatori semiautomatici DAE che verranno installati e adeguatamente segnalati con specifico cartello in vari quartieri della città e ex Comuni”.  “Inoltre” - aggiunge l’assessore Notaristefano “nella prima fase è prevista la formazione gratuita attraverso corsi di BLSD (Basic Life Support-Defibrillation) di cittadini volontari”.

torna all'inizio del contenuto